Skip to main content

Love Me

due pezzi di Antonio Tarantino
con LICIA LANERA

da giovedì 11 a domenica 14 aprile


Credits
  • testi di
    Antonio Tarantino
  • regia
    Licia Lanera
  • con
    Licia Lanera
  • e con
    Suleiman Osuman
  • luci
    Vincent Longuemare
  • disegno sonoro
    Tommaso Qzerty Danisi
  • costumi
    Angela Tomasicchio
  • produzione
    Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale Compagnia Licia Lanera
  • durata
    70 minuti

Nella stazione di Modena, su di una scala che collega il binario al sottopasso, giace privo di sensi uno straniero: la folla lo calpesta con le sue enormi valigie. In un locale a Bari vecchia uno straniero serve ai tavoli, indossa una maglietta su cui è scritto GUCCI, al collo porta un crocifisso enorme di oro. Entrambe le cose, maglietta e collier, sono falsi. Su una spiaggia della Puglia una donna fa il bagno col velo sotto gli occhi allibiti dei bagnanti. Scoppia un temporale improvviso nel centro di Roma e dopo qualche secondo una grande quantità di stranieri è pronta a venderti un ombrello.

Mazzi di rose, ciabatte, pelli colorate, odori acri, occhi imploranti, barbe scure, urla. I mauritiani fanno i servizi, i cingalesi vendono le rose, gli africani maschi vendono le collanine, le nigeriane fanno le puttane, le donne dell’est sono badanti, le musulmane non lavorano perché i mariti non vogliono, i turchi fanno le pizze e il kebab, i marocchini lavano i vetri e fanno le rapine, i rom rubano e con i soldi si fanno i denti d’oro. Sono gli stranieri delle nostre città, ognuno incastrato nel ruolo che gli abbiamo assegnato. La loro specie qui, è condannata in perpetuo ad essere straniera. Chi ha rubato la marmellata? L’uomo nero.

Durata: 70 minuti