Skip to main content

LA RETE DELL’IMMAGINARIO

Rassegna teatrale per le scuole secondarie di secondo grado

Wrong play, my Lord!

16 e 17 gennaio 2024
ore 10.30
Ingresso
€ 10,00
Spettacolo in lingua inglese

da Amleto di William Shakespeare
con Arturo Muselli, Alessio Sica e Margherita Romeo
regia Ludovica Rambelli
ripresa da Dora De Maio
aiuto regia Victoria de Campora
foto di scena Anna Monaco

Una vera trappola per attori (tre per otto personaggi), giocata sul filo dell’azione e della lingua inglese che anche alle orecchie di un pubblico italiano restituisce “il gioco, poi la scena, poi forse anche la poesia.” Perché “a play is a play”.

Wrong Play, My Lord!, tratto dall’Amleto di William Shakespeare, è una prova d’attore, recitata in inglese, ma con i ritmi della Commedia all’Italiana, giocando su tutto e il tutto per tutto: dai fraintendimenti lessicali, agli ostacoli scenici, attraversando il dramma e scivolando volentieri nella commedia, con la prontezza di saper cambiare in corsa ciò che è scritto. Ad ogni rappresentazione il pubblico assisterà a uno spettacolo sempre diverso.

Questo Amleto – alleggerito ma non abbassato – rispetta il testo originale ed allo stesso tempo lo rende fruibile ad un pubblico non necessariamente anglofono. Gli inevitabili, surreali pastiche linguistici restituiscono a Shakespeare i momenti di comicità che gli sono necessari, mentre l’azione corre verso la sua tragica conclusione. Tutto può accadere.

The Hats Company, compagnia napoletana di teatro, lavora su testi di Shakespeare in lingua inglese. Nasce in un bar. Un attore che rientra da Londra, un regista amante di cappelli, la decisione di lavorare su Shakespeare, in inglese, a Napoli. Alla compagnia si uniscono altri attori, un aiuto regia, qualcuno va via, qualcuno rimane, qualcuno in panchina. La prima parte del lavoro si concentra sul testo, su quell’inglese fitto che in bianco e nero com’è stampato sui libri appare incomprensibile, spaventoso. È un inglese che va intonato ad alta voce, che va detto e non letto. Dall’errore, anche quello dell’attore, si genera il riso, poi il gioco, poi la scena, poi forse anche la poesia. Tutto può accadere.

Durata: 75 minuti


Informazioni e prenotazioni

Francesca Calabrese
3342373833 | [email protected]